Psicomotricità


La Psicomotricità osserva e sostiene l’attività psichica attraverso il movimento del corpo, con il fine di armonizzare lo sviluppo della persona.

La Terapia Psicomotoria si rivolge a bambini e/o preadolescenti che, per cause diverse (organiche o ambientali) presentano conclamate patologie, ritardi o disarmonie di sviluppo o che sopportano difficoltà importanti nella loro crescita.

Viene utilizzata anche in attività di gruppo con le persone anziane, sane o affette da patologie neurodegenerative, che vivono una riduzione delle proprie possibilità motorie ed espressive.

IN PSICOMOTRICITA’ VENGONO UTILIZZATI:
L’esplorazione senso motoria e l’utilizzo di spazi e oggetti, l’attività motoria, il gioco, la relazione terapeutica, le attività espressive corporee, vocali, musicali, grafiche e plastiche e il rilassamento.

INDICATA PER:

  • Ritardo psicomotorio;
  • Ritardo neuromotorio, degenerazione neuromotoria;
  • Disturbi della coordinazione (disprassia e altri);
  • Disgrafia (disturbo specifico della scrittura);
  • Deficit di attenzione e iperattività ADHD;
  • Disturbi emotivo-relazionali (disturbi della regolazione, disturbi dell’attaccamento, autismo, disturbo generalizzato dello sviluppo DGS e altri);
  • Difficoltà comportamentali (iperattività, inibizione, disturbo oppositivo-provocatorio e altri);
  • Disturbi comportamentali da neurodegenerazione (wandering, aggressività, agitazione, insonnia e altri);
  • Disturbo misto dello sviluppo;
  • Ritardi cognitivi;
  • Sindromi genetiche;
  • Obesità e altri;